FONDAZIONE MIGRANTES
ORGANISMO PASTORALE DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Un paese nel paese

(27 maggio 2016) - Il libro invita il lettore a riflettere sul significato profondo di comunità, su come essa sia in costante evoluzione, rinnovandosi da una parte ma mantenendo sempre vivo il ricordo delle proprie radici culturali e religiose, quelle radici che hanno permesso ai migranti di prosperare e creare civiltà e bellezza dove prima non c'erano
27 Maggio 2016
(27 maggio 2016) -“Un paese nel paese. Il senso dei luoghi nell’esperienza di migrazione”: questo il titolo di un volume – curato nella  collana della Fondazione Migrantes Testimonianze e Esperienze delle Migrazioni ed edito da Tau - , che sarà presentato lunedì 30 maggio alle ore 18.00 presso la Sala Parrocchiale di Belvedere in Via dei Costaroni a Riano (RM).
Il volume indaga da un punto di vista antropologico la nascita della frazione Belvedere di Riano. Interverranno - oltre all’autore Luca Abbruzzetti -   Roberto Di Marco (Sindaco di Isola del Gran Sasso), Mons. Gian Carlo Perego (Direttore generale della Fondazione Migrantes) e Laura Faranda (Ordinario di Antropologia Culturale – Università La Sapienza di Roma) moderati da  Romolo Bali (Direttore de “il Nuovo”).
Nel libro di Abbruzzetti le radici culturali sono le vere protagoniste di una storia di emigrazione e di amore. L'amore che una piccola comunità migrante sente nei confronti del paese lasciato in Abruzzo e che spinge le persone a ricreare fedelmente i suoi luoghi amati, i propri valori, la propria cultura e la propria religiosità in un altro luogo. Nasce così l'idea di un paese-ombra, un luogo cioè identico a quello lasciato, che diviene in questa storia uno spazio "rigenerato" dai migranti, che hanno saputo, con abilità e passione, "far nascere" un paese dove prima non c'era nulla e valorizzare luoghi incolti con la loro presenza.